Quanti soldi puoi risparmiare? Dal costo ad investimento produttivo mettendo in sicurezza la tua attività.

 

Ogni giorno in azienda si rincorre il risparmio, il contenimento dei costi.

possiamo risparmiare  sull’acquisto della materia prima, con contratti di acquisto migliori o trattative migliori .

Puoi risparmiare sul costo dei collaboratori con contratti diversificati o sconti sui contributi INAIL da versare attraverso le procedure OT24 e OT 20.

(il tuo consulente ne dovrebbe sapere qualcosa) e se non lo sa, o non te lo ha mai proposto meglio informarti.

(probabile che la scusa in questo caso adottata è lo deve fare il Consulente del lavoro…..certo infatti è lui che cura la sicurezza nella tua azienda).

Il contenimento del costo di produzione o di gestione dell’azienda deve passare inevitabilemnte attraverso il mantenimento della stessa qualità, genuinità e caratteristica unica del processo tipico di lavorazione che viene effettuata nella tua azienda qualunque essa sia.

Corso Lavoratori
Corso Lavoratori

La formazione dei lavoratori a carattere obbligatorio è costituita da due moduli personalizzati a seconda del livello di rischio del settore di lavoro.

Il datore di lavoro è tenuto a fornirla a proprie spese e nell’orario di lavoro. Anche in questo caso per mancata formazione ci sarebbe l’arresto da 2 a 4 mesi oppure l’ammenda da 1.315,00 €. a 5.699,20 €

RLS
RLS

In tutte le aziende, o unità produttive, è eletto o designato dai lavoratori stessi il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS). Nel caso in cui non gli venisse consentito il datore di lavoro sarebbe punibile con l’arresto da 2 a 4 mesi o con un’ammenda da 1.315,00 €. a 5.699,20 €.

RSPP (datore di lavoro)
RSPP (datore di lavoro)

I datori di lavoro possono svolgere il ruolo di RSPP. Per farlo hanno bisogno di una formazione adeguata. In caso di inadempienza sono previsti l’arresto da 3 a 6 mesi o un’ammenda da 2.740,00 € a 7.014,00 €.

Primo Soccorso
Primo Soccorso

CORSO DI FORMAZIONE PER ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO Aziende di gruppo “A” “B” “C”
Obbligo formativo previsto dall’art. 37 co. 9 D. Lgs. 81/08 (sanzionato con ammenda da 1.200 a 5.200 euro)

Corsi Antincendio
Corsi Antincendio

Addetti Prevenzione Incendi e Addetti Primo Soccorso: queste figure devono essere presenti in ogni azienda in numero variabile a seconda delle dimensioni e del numero di lavoratori. Anch’essi devono ricevere una formazione per poter ricoprire tali ruoli, in caso di mancata formazione il datore di lavoro potrebbe essere arrestato tra 2 a 4 mesi oppure dovrà pagare un’ammenda da 1.315,00 €. a 5.699,20 €.

Il contenimento del costo non può generare un disservizio un decadimento della qualità o peggio mettere a rischio la tua azienda come nel caso dei servizi di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Una lavorazione fatta meglio , in minor tempo, con maggiore precisione, un macchinario più veloce o performante possono sicuramente generare un risparmio immediato, tangibile,quantificabile .

Contenere i costi e risparmiare sui servizi di sicurezza nei luoghi di lavoro può essere una strada da percorrere per svolgere meglio la tua attività ?

No, non può essere.

Non è la strada giusta per contenere un costo, anzi pensandoci bene è la strada più probabile per aumentare i costi dell’azienda .

Ti faccio un esempio di come contenere i costi sulla sicurezza affidandosi a chi non è in grado di erogare un servizio del genere.

Ed ha generato un costo aggiuntivo sproporzionato rispetto a quel che è la normalità del servizio stesso:

“Quando ti hanno dato tutti i documenti della sicurezza della tua azienda ….probabilmente ti hanno dato anche un documento chiamato DVR (documento di valutazione dei rischi) …si proprio quel malloppo che dovresti leggere e sapere che fare in caso di necessità. “

Ecco , proprio questo documento deve avere una data, quella di stesura, e deve essere certa.

Certificata, o meglio in caso che ti vengano a fare pelo e contropelo tra le tante controlleranno anche che tu sia in grado di dimostrare il giorno in cui è stato fatto quel  documento.

Ma è semplice risolverlo basta sapere come.

“il 20 maggio del 2017 un lavoratore di una officina meccanica si è fatto male, incidente sul lavoro, schiacciamento di una mano, è scattata la segnalazione alla ASL di Zona dove l’ispettore di turno Ufficiale di Polizia Giudiziaria U.p.g. ,per vari motivi ne è venuto a conoscenza solo il 15 di Giugno.  (un mese dopo)

L’ispettore ha comunque convocato e chiesto al titolare quali procedure antinfortunistiche avesse adottato  per prevenire questo incidente, il titolare , correttamente, presentata il suo documento di valutazione dei rischi a giustificazione.

 il documento riportava effettivamente la data di redazione ….aprile 2017 , quindi redatto prima dell’infortunio…..(apparentemente in regola) ma il documento era sprovvisto della procedura di data certa di redazione dello stesso……

 per l’ispettore la data certa risultava essere quella in cui il documento viene presentato al suo ufficio ovvero il 19 giugno ….va da se che ha considerato il documento non esistente alla data dell’infortunio

Capita la questione, il titolare aveva fatto le cose in regola, certificati di formazione e documento di valutazione dei rischi….peccato che il consulente a cui si era affidato , di quelli che vengono a vedere se va tutto bene una volta all’anno, non aveva fatto o detto la procedura che si doveva rispettare, non si è ricordato di questo fondamentale articolo del dlgs 81.2008.

La conseguenza, per aver risparmiato con un consulente LowCost? …….è stato contestato al datore di lavoro la mancata elaborazione del DVR.

e conseguente sanzione ………………salata come tutto il mar mediterraneo

rifare il documento, ripresentare le giustificazioni, giorni passati da un ufficio e l’altro, mancata presenza in azienda, aumento del premio assicurativo INAIL, cambio della società di consulenza sulla sicurezza.

Totale risparmiato ?…..niente……….costo migliaia di euro buttati via per una semplice ma fondamentale data.

Affidarsi al Low Cost ha delle conseguenze intangibili nell’immediato ma molto concrete nel futuro, rifare i documenti, procedure e perdita di tempo.

Molto meglio fare le cose una volta e fatte bene , certi e garantiti di quel che si sta facendo.

La posta in gioco è alta come avrai già capito, è controproducente scegliere il prezzo più basso, magari solo consultando il preventivo o affidandosi ad amici e parenti che si sono trovati bene …perché hanno speso poco..

Ma non sempre è così.

Quel poco può farti finire nei guai e dal poco costo finire per pagare molto di più di quanto si possa immaginare.

Cambiare non piace a nessuno, ogni modifica alla propria routine , al proprio modo di lavorare da fastidio, siamo presi da altre incombenze nel mandare avanti una società piccola o grande che sia.

Quando si presenta una soluzione facile, agevole, senza preoccupazioni, con nessuno che viene a controllare , ad un basso costo ,….forse troppo basso…

l’istinto primario è quello di aver colto l’occasione per scrollarsi di dosso il problema della sicurezza.

Sembra di aver fatto bingo , mi fanno le buste paga , l’assicurazione e le dichiarazioni fiscali ….

chi meglio di loro?

o chi meglio del tutto compreso magari in internet dove un documento di valutazione dell’azienda costa come i caffè che bevi in un mese?

Le conseguenze inutile ribadirle sono intuibili e le ho spiegate sopra .

La soluzione per il caso di cui riportavo la cronaca poco sopra era quella di :

Utilizzare la  PEC, banalmente una mail .

Posta elettronica certificata, che ogni azienda ha , e se per ragioni ignote ancora non sei in possesso di una email certificata  basta attivarne una con 20€ sul web .

Dopodiché bastava al consulente inviare il documento dalla sua mail pec alla tua mail e la certificazione con data certa era fatta.

Finita li.

Poi avresti dovuto conserva la ricevuta di avvenuta consegna , la stampavi ed allegavi al DVR

già che ci siamo per correttezza dell’informazione , ricorda che dovrai mettere o far mettere questa dicitura in testata al DVR :

  • il presente documento è costituito da n°……pagine numerate escluso la presente testata ed oltre gli allegati
  • Data di stesura………../………./……….

O nel caso di revisione inserire

3)Revisione n°……… del ………../…………./

Fatto, non ci sarebbe voluto molto, solo professionisti che ti seguono in modo costante e non una sola volta all’anno per rinnovare il canone…..come la RAI.

Di questi casi ne abbiamo a decine , tutti che cadono dal pero come si suole dire, nessuno è responsabile….

troppi “ma io te lo avevo detto”, è una semplice dimenticanza, sistemo io le cose ecc.ecc scuse che non tengono.

Ovviamente non tutti sono così sprovveduti, o lavorano con i piedi, non voglio dire questo, ma solo che l’imprenditore viene lasciato solo con la sua responsabilità.

E la negligenza di un consulente ricade direttamente sulla tua azienda in modo tangibile come nel caso sopra, perché arriva la sanzione da pagare o peggio.

Ma non avevi pagato ? E’ tuo il compito di sapere tutto quello che è contenuto in questa intricata normativa sulla sicurezza?

Certamente no.

E’ il consulente che deve proteggerti e farti vedere le cose che non riesci a vedere o intuire, paghi per avere un servizio che deve essere garantito e  perché non è il tuo lavoro.

Se hai sentito l’esigenza di affidarti ad un consulente o società di consulenza probabilmente è perché vuoi risolvere questo problema e come minimo pretendi di avere indietro il corrispettivo in servizi di ciò che hai speso.

Va da se che coì non può essere, ci vuole ben altro per mettere in sicurezza la tua azienda, la tua serenità nel prendere le decisioni giuste per la tua attività.

Come avrai intuito , la sicurezza intesa come costo aziendale che pesa sul bilancio per X euro non è la strada da percorrere, essa ti porta a considerare il solo costo oggettivo e tangibile di quanto denaro vuole qualcuno per toglierti il problema.

Ci sono due considerazioni da fare :

  • La prima , la sicurezza non è un costo per la tua azienda ma un Investimento
  • La seconda, la sicurezza nei luoghi di lavoro non è un problema ma una Soluzione per la tua azienda

Quando investi in un macchinario, strumenti, personale ecc.ecc ti aspetti che da questo investimento di tempo e denaro ne consegua un guadagno o riduzione dei costi che è sempre un guadagno.

Ma se dal tuo investimento poniamo un macchinario ne deriva una perdita di denaro ha fatto un cattivo investimento , sbagliato ed appena te ne accorgi cerchi le soluzioni migliori per arginare, modificare o quantomeno ritornare allo stato precedente.

Cambi il macchinario, lo fai modificare torni dal costruttore per riavere i soldi indietro.

Ecco questo deve accadere anche con la sicurezza nei luoghi di lavoro, l’investimento che fai, (non il costo che sostieni) deve produrre un abbattimento del rischio di fermo impianti, multe, incidenti, malattia professionale che ti portano via tempo e denaro.

Se non funziona cambia il consulente o la società a cui ti sei affidato.

Deve generare un guadagno che si concretizza da una parte nel non spendere domani per mettere di nuovo a norma la tua impresa.

A presto Max

Lascia un commento

Chiama ora